Didattica Inclusiva BES

Didattica Inclusiva Matematica
12 giugno 2017
Mappe concettuali per la didattica
12 giugno 2017
Show all
Raffaele Cariati
Insegnante ed operatore didattico di Scienze matematiche, fisiche e naturali Referente laboratorio Apprendimento digitale, doposcuola D.S.A. convenzionato Anastasis
Esperto nei processi di apprendimento (Centro studi Erickson, Trento)
Master in Metodologie e tecniche didattiche e in D.S.A. e quadri clinici correlati riconosciuto dal M.I.U.R. (Psicologia insieme ONLUS, Varese-Roma)
Formazione specialistica continua presso Centro ricerche Anastasis, Bologna Operare per l’autonomia degli studenti D.S.A. (Canale Scuola- Bolzano), Formacampus di Informatica per l’autonomia (Oltremodo-G.I.p.A.-Bologna)

Claudia Matthiae
Insegnante ed operatrice didattica in lingue e letteratura italiana e straniera. Già docente di Italiano per stranieri (Summer school, Università La Sapienza, Roma)
Master II livello in didattica della lingua e cultura italiana per stranieri (Scuola I.A.D., Università Tor Vergata, Roma)
Masterclass in didattica delle lingue per D.S.A./B.E.S. (Università Ca’ Foscari, Venezia)

Tutor d’aula
Valerio Pezzopane
Segretario ed assistente didattico
Email:
info@apprendimentodigitale.it
cariati.raffaele@gmail.com
Recapiti telefonici:
349.4209905
LABORATORIO APPRENDIMENTO DIGITALE
presso CANALESCUOLA LAB via del Serafico 1, 00142, Roma

Come raggiungerci: METRO B LAURENTINA

Operare didatticamente con gli alunni con B.E.S.

Presentazione

Le recenti disposizioni ministeriali sugli alunni con bisogni educativi speciali (B.E.S.), hanno suscitato nella scuola italiana un ampio dibattito, in cui si intrecciano perplessità, convinzioni positive e tante domande. Il concetto di bisogno educativo speciale è un passo avanti nella direzione dell’equità, di una scuola più inclusiva e rappresenta un’occasione per rinnovare operativamente la didattica in senso più ampio e generale. Al centro della questione c’è sicuramente, la concretizzazione del Piano Didattico Personalizzato (P.D.P), che deve essere progettato e concepito in modo efficace e fattibile.

In un’ottica di piena inclusività, non si può non affrontare il tema dell’integrazione delle tecnologie nell’insegnamento, così da ridefinire, dal punto di vista pedagogico e cognitivo, i contorni, i contenuti e le azioni della didattica, in funzione delle mutate condizioni socio-culturali. Si vuole sviluppare la tesi per cui, un percorso di ricerca ed azione, in cui si abbia l’inserimento di strumenti digitali, che integrino, senza sostituire, quelli tradizionali, possa creare ambienti favorevoli non solo per studenti B.E.S./D.S.A., ma anche per ogni alunno; ambienti didattici in cui diversi stili e specialità, possano essere inclusi e valorizzati, determinando un apprendimento realmente significativo.

Obiettivi:

  • sviluppare conoscenze nell’ambito della normativa in materia B.E.S./D.S.A.
  • sviluppare competenze nella redazione e concretizzazione di un Piano Didattico Personalizzato (P.D.P.)
  • sviluppare competenze sulle strategie e strumenti per la produzione, l’adattamento e la semplificazione dei materiali didattici
  • sviluppare un’alfabetizzazione sulle tecnologie intese come risorsa didattica inclusiva
  • sviluppare conoscenze e competenze per frequentare e progettare laboratori intensivi di didattica speciale ed efficace

Durata:

  • La durata complessiva del corso è di 25 ore. Il corso si articola in 5 moduli della durata di 5 ore ciascuno, erogati con frequenza settimanale.

Programma:

Modulo 1: normativa sui B.E.S./D.S.A.

  • individuazione dell’alunno B.E.S. su base I.C.F.
  • normativa inclusiva in Italia: d.m. 27-12-2012 e c.m. n.8 del 6-3-2013
  • alunni con D.S.A. e legge 170/2010
  • approfondimento conoscitivo: come funziona l’apprendimento nell’alunno dislessico
  • approfondimento conoscitivo su situazioni B.E.S. non derivanti da disturbi.

Modulo 2: Piano Didattico Personalizzato (P.D.P.)

  • Efficacia: personalizzare, individualizzare e funzionare
  • Compensare e/o dispensare
  • Scelta degli strumenti compensativi
  • Dalla pianificazione individuale, alle strategie inclusive nella classe: resilienza, la risorsa “compagni di classe”, cooperative learning, peer tutoring.
  • Valutazione ed esami di stato
  • Modelli e contenuti di un P.D.P.

Modulo 3: Approcci metodologici

  • Apprendimento cooperativo
  • Approccio metacognitivo
  • L’apprendimento significativo
  • Tecnologie e processi di apprendimento
  • Approfondimento: apprendimento della matematica con le tecnologie, metodo simbolico-ricostruttivo e percettivo-motorio
  • Tecnologie come risorsa inclusiva

Modulo 4: Produzione e adattamento dei materiali di studio

  • Strategie e strumenti per la semplificazione dei testi
  • Mappe, schemi ed apprendimento
  • Mappe concettuali e mappe mentali
  • Mappe per argomentare, mappe tematiche, mappe a sintassi di contesto, mappe dinamiche.
  • Ambienti digitali per la rappresentazione e l’organizzazione delle conoscenze: uso del software TeacherMappe di Anastasis.

Modulo 5: Didattica inclusiva curriculare (scuola secondaria II grado)

  • Discipline scientifiche: metacognizione e matematica, comunicazione ed apprendimento in matematica, inquinamento semiotico; pensiero comune e cambiamento concettuale, difficoltà degli studenti e ruolo dei problemi e degli esperimenti per affrontare una didattica efficace della fisica; utilizzo dei software Geogebra, Aplusix, Calc e MatCos, proposte per il biennio ed il triennio.
  • Discipline linguistiche: stili di apprendimento e didattica creativa, verifica e valutazione, verifiche sommative e formative, il pensiero attivo, ponti culturali, collegare argomenti in diversi ambiti disciplinari, didattica C.L.I.L.

Metodologia:

  • aula, lezioni frontali
  • laboratori intensivi

Materiali:

  • Videoproiettore, L.I.M., pc, ebook, testi digitali PDF aperti, slide, video, tablet, web, dispense, licenze gratuite (durata 30 giorni) software TeacherMappe di Anastasis

Destinatari:

  • Docenti scuola primaria e secondaria, operatori didattici D.S.A.